RipAmici 2000

15
Ottobre
1943
I contadini di Cerrosecco, svegliandosi, si trovano di fronte a due bocche di cannoni puntate verso Termoli.
Uno: dieci metri dall'abbeveratoio della fontana del Sanguine nascosto tra i "sviche' da macchia don Bruno".

L'altro: sulla punta pi alta del promontorio della Montagna, ai piedi di un biancospino gigantesco.
I tedeschi, sdraiati sulla spalletta del muretto della fontana, sornioni, guardavano i contadini che scendevano al Cigno, ammutoliti. Leonardo Ciarla - (Ghe'ditt') - passando nei pressi della Masseria di Nicola Silvaggio: - Comp, la guerra! - E Nicola Silvaggio: - K? T' sí 'mbriêkat' k' 'll'acqua du Sangu'_n'? -

Testo: Giuseppantonio Cristofaro


| H O M E |

Programmazione HTML: Walter La Marca