Logo di RipAmici
RipAmici


Email: staff@ripamici.it



Tutte le immagini fotografiche del servizio sono state scattate Domenica 28 Aprile 2002.



Tutte le stagioni sono belle a Ripabottoni ma la primavera lo senz'altro di pi. La vallata si dipinge di verde, i fiori fanno capolino tra le distese di grano, il clima diventa mite, le rondini volano alte nel cielo, il paradiso scende in terra: questa Ripabottoni. Uno sguardo alla valle, al panorama e scopriamo Morrone incorniciato tra le montagne ancora ricoperte di neve.
Piazza Marconi
Non possiamo iniziare i nostri quattro passi tra le strade di Ripabottoni se per primo non scendiamo in piazza. Piazza Marconi: posta al centro del paese il punto di incontro naturale, il luogo dove tutti i ripesi, almeno una volta al giorno, passano, si fermano, si siedono, chiacchierano.
Un'altra bella immagine della piazza. E' l'ora di pranzo: qualcuno si attarda impegnato nell'ultimo ragionamento, un bimbo sfreccia con la sua bicicletta ... il silenzio di mezzogiorno, piano piano, si impossessa del paese, nelle case si sente il rumore delle stoviglie, il vociare dei commensali...
E' terminata la funzione religiosa anche nella chiesa Evangelica. I gruppi familiari si avviano sulla strada del ritorno a casa. Qualcuno intento a scambiare l'ultima opinione prima del pranzo, altri si affrettano (con calma) per raggiungere il desco e noi approfittiamo del momento per dare uno sguardo al Corso Vittorio Emanuele III.

Quattro passi per le strade di Ripabottoni.


Ripabottoni (Provincia di Campobasso)- Molise - Italia
613 metri s.l.m. - 673 Abitanti
Padre, figlio, il bimbo con la bici,il sorriso sulle labbra, questa l'immagine di una calma e magnifica domenica a Ripabottoni.
Imbocchiamo Via Ripetta. Una volta era chiamata Via Liscia o della Liscia. E' una delle poche strade rimaste con il selciato di un tempo. Le case in pietra si affacciano su una strada che vede il sole dalla mattina alla sera. E', forse, la pi bella e caratteristica strada di Ripabottoni. Sar che da bambini si giocava tra quelle pietre, sar che gli anni sono passati, ma ogni volta che si entra in Via Ripetta il cuore batte forte.
...E in Via Ripetta vi l'antica filanda. Un grande fabbricato polivalente: sul fronte il mulino con due macine in pietra; sul retro - al primo piano - la filanda; sul retro - al piano terra - il frantoio. In sostituzione del tetto un grande terrazzo padronale. Ora il terrazzo crollato, il pavimento della filanda non c' pi, le macine del mulino sono state tolte, restano i ruderi del frantoio e delle sue macchine.
Il fascino dei ruderi, delle macchine abbandonate ma... che sembrano voler rimettersi in moto in un momento. Shhh! Forse sentiamo ancora il vociare dei contadini che portano a molire le olive, forse sentiamo il rumore della pressa a mano, delle grandi ruote. Ecco, questa la voce del frantoiano che chiama....


1 2 3 4 5 6 7 8 9


Vai alla prossima pagina





H o m e





Programmazione HTML e Foto: Walter La Marca